ISERNIA

Il progetto Insieme si può si è concluso con il raggiungimento dei nostri molteplici obiettivi che sono stati finalizzati ad aiutare ragazzi rom e non nelle attività di primaria importanza in primis la scuola, assicurando loro il sostegno nella scolarizzazione offrendo libri e strumenti connessi e nell’informazione mediante la mediante la messa a disposizione di un servizio PC. In questo progetto infatti è stato istituito uno sportello dei bisogni attraverso il quale abbiamo cercato di fare tutto il sostegno a noi consentito attraverso anche vestiario e prodotti di genere alimentare.  Auspichiamo all’ottenimento di una sede dove offrire i nostri servizi, in riferimento a ciò abbiamo già provato a chiedere aiuto all’amministrazione locale senza però alcun successo. Ci è stata una grande risposta a richiesta del nostro sportello da parte della comunità locale. A tal fine il nostro obiettivo sarà quello di continuare la nostra attività ampliando la nostra disponibilità anche in un servizio di dopo scuola finalizzato ad aiutare ragazzi di scuole elementari e medie nello svolgimento dei compiti e nel disporre una sala per dedicare tempo allo svolgimento di attività ludiche per i ragazzi.

 


Rom e Sinti, un monumento alla memoria rimossa: un successo

Nella giornata del 4 ottobre abbiamo avuto modo di partecipare al Convegno Internazionale “Samudaripen, il genocidio dimenticato di Rom e Sinti” tenutosi alle ore 10.00 presso l’Auditorium Università “G. D’Annunzio”. Mentre la sera, nel Teatro “Fedele Fenaroli” abbiamo assistito alla Solenne Cerimonia di Premiazione del 25° Concorso Artistico Internazionale Amico Rom.

 Ma il giorno più importante è stato il 5 ottobre: è stato inaugurato presso il Parco delle Memorie il monumento al Samudaripen dei Rom e Sinti realizzato dallo scultore Tonino Santeusanio e sono intervenuti Moni Ovadia, Gad Lerner e Luigi Manconi. Ci teniamo a ribadire che questo è il primo monumento per il genocidio del popolo Rom e Sinti in Italia e per questo l’iniziativa è stata un’occasione unica nel suo genere.

Noi, come Movimento ”Rom e Non Rom: Insieme si può”abbiamo portato il nostro contributo, felici di far parte di una giornata così importante. Abbiamo così accolto l’iniziativa e ci auguriamo di poterne promuovere delle altre e di uguale successo, affinché la storia non venga dimenticata, ignorata o nascosta. E affinché, riaffiorando, possa incidere sul presente e sulla nostra comunità.

si continua a lavorare presso lo sportello ‘Insieme si può’

 


WORKSHOP ISERNIA

ISERNIA21


raccolta di alimenti per famiglie bisognose e libri per il ragazzi



locandina sportello.jpg

INCONTRO 8 APRILE 2018

 

isernia 6

inconto al isernia.jpg

isernia 7

isernia 10 maggio